Martin Cooper.

Sono trascorsi 40 anni dall'invenzione del cellulare, il telefono mobile. A Martin Cooper è attribuita l'invenzione. Nato a Chicago, il 26 dicembre 1928, figlio di immigrati ucraini, nel 1950 si laurea in ingegneria elettronica.  
Era il 3 aprile 1973, e Cooper invia la  prima telefonata con il suo prototipo di cellulare, mentre era in una strada centrale di New York.    
Oggi ottantacinquenne, riceverà nel prossimo autunno a Bologna il premio "Marconi Prize", 100mila dollari, un encomio simile al "Nobel".  
Copper, è soddisfatto di aver potuto dare il suo piccolo contributo alla tecnologia, e riguardo all'uso dei telefonini, fa una precisazione: "Abbiamo perso un tipo di libertà per guadarne un'altra. L'importante è poter decidere a quanta privacy vogliamo rinunciare e in cambio di cosa."